Crescita fetale


La valutazione della crescita fetale viene effettuata tramite indagini ecografiche seriate, in cui si misura la variazione nel tempo di alcuni parametri fisici di riferimento. Tra la 7ma e la 13ma settimana il feto presenta uno sviluppo costante, non influenzato da fattori costituzionali, razziali e nutrizionali, e la misura della sua lunghezza dal vertice al sacro (CRL) consente di datare l’epoca della gravidanza, con un’approssimazione di circa quattro giorni. Con il progredire della gestazione, si considerano il diametro biparietale (distanza tra le ossa parietali del cranio, in sigla BPD), la circonferenza cranica (CC), la circonferenza addominale (AC) e la lunghezza del femore (FL). I valori misurati vengono riportati sui grafici delle curve di crescita: in questo modo è possibile verificare che lo sviluppo del nascituro segua un andamento progressivo armonico e lineare, e che non vi sia ritardo o arresto della crescita.