Episiorrafia


L’episiorrafia consiste nella sutura del taglio operato con l’episiotomia, previa anestesia locale, procedendo per strati dall’interno verso l’esterno, e ricostituendo la simmetria e l’anatomia delle strutture coinvolte. Sono utilizzati fili che vengono riassorbiti dall’organismo, senza che ci sia poi la necessità di rimuovere i punti. Si provvede nello stesso modo a suturare le lacerazioni spontanee che si possono formare in assenza di episiotomia.