Allattamento al seno: come e perché.


L’allattamento al seno materno è essenziale per il benessere presente e futuro del bambino. Usato come nutrimento unico, fino ai sei mesi compiuti, è un’azione di prevenzione semplice, economica ed efficace. Per questo viene incoraggiato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’Unicef, ormai da molti anni. L’allattamento al seno soddisfa per intero i bisogni nutrizionali del bambino nei primi sei mesi, rinforza il legame affettivo tra madre e figlio, e in più ha effetti benefici per la mamma, provati da evidenze scientifiche. Il latte materno è sempre pronto, alla giusta temperatura e non necessita di accessori per la preparazione.

Perché allattare

Per il benessere del bambino.

Il latte materno difende dalle infezioni perché contiene numerose sostanze protettive; favorisce lo sviluppo comportamentale del bambino; riduce il rischio di sovrappeso, obesità e allegie.

Per la salute della mamma.

Facilita il recupero fisico dopo il parto: nell’immediato, aiuta la madre, aumentando il fabbisogno energetico, a smaltire l’eventuale sovrappeso accumulato in gravidanza, inoltre favorisce la contrazione dell’utero; riduce il rischio di anemia e aiuta a ricostruire le riserve di ferro. A lungo termine protegge dall’insorgenza del cancro al seno.

Per i legami affettivi.

L’allattamento al seno è un momento magico nel rapporto fra madre e figlio. Infatti ne rafforza il vincolo, aumentando l’autostima e la fiducia della mamma nelle proprie capacità fisiche ed emotive; aiuta a mantenere forti i legami nella famiglia.

Per la collettività.

E’ economicamente vantaggioso per la famiglia e per la collettività: meno malattie vuol dire anche meno costi sociali. .

Come allattare

Iniziare subito dopo la nascita.

Le prime due ore dopo il parto sono il momento migliore perché il neonato inizi a succhiare correttamente. Il colostro – il liquido secreto dalla mammella dopo il parto – ha un particolare valore nutritivo e un alto contenuto di fattori antinfettivi; l’attacco precoce riduce il calo di peso del neonato e ne anticipa il recupero, riduce l’incidenza dell’ittero neonatale ed è una garanzia per un buon allattamento.

Allattare di frequente e attaccare il bimbo al seno adeguatamente.

L’allattamento “a domanda del bambino”, cioè l’attaccare al seno il neonato ogni volta che lo desidera, specie nei primi tempi contribuisce a stimolare la produzione di latte, ponendo le basi per un allattamento soddisfacente e prolungato. Durante i primi giorni dopo il parto, le poppate richieste possono essere molto frequenti: per questo un adeguato sostegno alla madre è utile specie in questa fase, che è comunque transitoria; con il tempo, il neonato rallenta e regolarizza da solo la frequenza delle poppate. Il corretto attacco al seno aiuta a prevenire ragadi e ingorghi mammari.

Mettersi comodi.

Assumere una posizione confortevole per la mamma e il bambino. Sostenere il bambino in modo che sia favorito il contatto con la mamma: il viso di fronte al seno. Avvicinare il bambino al seno e porgergli il capezzolo quando la bocca è ben aperta. Una suzione corretta non è mai dolorosa per la mamma, è lunga e profonda e il bambino è rilassato.

Non usare ciucci o biberon.

Di norma il neonato non ha bisogno di acqua o altri alimenti prima dei sei mesi di vita. In questo periodo va quindi scoraggiato l’uso di tettarelle, ciucci e paracapezzoli, perché possono interferire con i suoi tentativi di coordinazione per allattarsi.

Nutrire fino ai 6 mesi solo col latte materno.

Secondo studi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, i bambini allattati esclusivamente al seno per sei mesi, rispetto agli altri, presentano meno infezioni, soprattutto gastrointestinali, senza andare incontro ad alcun deficit di crescita.

Continuare dopo lo svezzamento.

La maggioranza dei bambini prende con piacere frutta o le prime pappe tra i 5 e i 7 mesi ma non esistono regole fisse. L’ideale è continuare l’allattamento al seno anche dopo aver iniziato lo svezzamento. Tuttavia è bene chiedere al Pediatra consigli dettagliati.

Mantenere uno stile di vita sano durante l’allattamento.

  • Variare la dieta, con ortaggi e frutta di stagione, pesce, latte e derivati.
  • Bere acqua in abbondanza.
  • Astenersi dalle bevande alcoliche.
  • Limitare l’assunzione di caffè, tè, cacao.
  • Rinunciare al fumo che interferisce sulla produzione di latte e veicola nicotina al neonato.
  • Assumere farmaci solo dietro consiglio del medico curante.

Per chi ha difficoltà ad allattare

Il dubbio di non produrre latte a sufficienza è nella maggior parte dei casi privo di fondamento: per produrne in quantità adeguata, e per il tempo necessario, è fondamentale seguire il consiglio di attaccare correttamente al seno il bimbo, ogni volta che lo richiede.

Tuttavia vi sono casi in cui il latte materno è effettivamente insufficiente oppure esistono controindicazioni all’allattamento.

Ma sono situazioni rare. L’allattamento al seno è controindicato solo in caso di alcune infezioni virali in atto nella madre, in particolare HIV, e Herpes bilaterale del capezzolo o cancro del seno. Oppure in caso di assunzione di farmaci particolari.

In questi casi l’alimento indicato per il bambino è “il latte per la prima infanzia”: è la cosiddetta “formula di inizio” per i primi 4-6 mesi, seguita poi da una formula di proseguimento, fino a tutto il primo anno, secondo le indicazioni del Pediatra.

L’unica condizione patologica in cui al bambino “non fa bene” il latte materno è la galattosemia, una rara malattia ereditaria.

Fonte: RegioneLombardia – Sanità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *