Il periodo di maternità prima del parto


L’Inps, con messaggio n. 18311 del 12 luglio 2007, ha fornito nuove istruzioni in merito al computo del periodo di maternità ante partum in base alle disposizioni fornite dalla sentenza n. 1401/2001 della Corte di Cassazione.

L’istituto, in particolare, ha stabilito che il periodo di astensione precedente al parto deve essere determinato senza includere la data presunta del parto che, pur rimanendo oggetto di tutela, costituisce il dies a quo per computare a ritroso il periodo in questione. Di conseguenza, se la data presunta e la data effettiva coincidono, il periodo complessivo “ordinario” di congedo di maternità è pari a 5 mesi ed un giorno (15 giugno/15 novembre).

L’Inps, inoltre, ha ricordato che lo stesso criterio di computo deve essere utilizzato per determinare il periodo di maternità indennizzabile per le lavoratrici autonome ed i lavoratori iscritti alla Gestione Separata.

Fonte: CONSULENZALAVORO.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *