Obesita’: gravidanza a rischio per mamme extralarge


Non sono solo linea e salute a risentire dei chili di troppo. Per le donne ‘extralarge’ anche la gravidanza è più a rischio. Scienziati del Kings College di Londra hanno analizzato i dati di 385 donne obese in attesa del primo figlio, scoprendo che le future mamme obese o in sovrappeso presentavano tassi più alti di eclampsia e nascite premature rispetto a quelle con un peso nella norma. In particolare, per le obese è risultato quasi doppio il pericolo di partorire un bebè di basso peso (meno di 2,5 kg).

I ricercatori, si legge sull”American Journal of Obstetrics and Gynaecology’, hanno anche prelevato campioni di sangue da 208 donne per ulteriori analisi. Dalla ricerca emerge poi che il 18,8% dei figli di mamme obese è stato classificato come sottopeso alla nascita, contro il 10% dei bebè di donne normopeso. Inoltre i tassi di pre-eclampsia sono risultati più alti nelle obese alla prima gravidanza (11,7%), rispetto a quelle che avevano già partorito (6%) e alle donne che rientrano nella norma (2%). Infine, le nascite premature sono risultate quasi il doppio della media nazionale (11,9%).

Secondo Lucilla Poston del Kings College Hospital e del St. Thomas’s Hospital, responsabile dello studio, “la nascita di un gran numero di bambini sottopeso è inaspettata in questa popolazione, dato che l’obesità è più spesso associata alla nascita di piccoli in sovrappeso”. Non solo. “L’alto numero di casi di pre-eclampsia scoperti in questo gruppo sono molto preoccupanti: questa è una seria complicanza della gravidanza che, in casi estremi, può portare alla morte materna o fetale”, prosegue.

Insomma, “dobbiamo iniziare a considerare le prime gravidanze come un problema in più nelle donne obese, che sappiamo già essere maggiormente a rischio di complicazioni rispetto alle magre”. I pericoli associati a parto prematuro e basso peso alla nascita includono “danno cerebrale, difficoltà respiratoria, problemi di apprendimento e grande vulnerabilità alle infezioni”.

Fonte: IGN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *