Per avere bebè stop a caffè e alcol, efficace come provetta


Se si desidera un bebè, ma si hanno difficoltà a concepirlo, prima di tentare con la fecondazione in vitro meglio provare a non bere più alcol e caffè: l’effetto benefico sulla fertilità sembra infatti simile. Lo suggerisce la nutrizionista Emma Derbyshire della Manchester Metropolitan University, che sul ‘Daily Mail’ illustra la sua teoria, con alla mano i dati che ne confermano l’efficacia.

Derbyshire assicura che il 32% delle donne con problemi di fertilità è riuscito a rimanere incinta dicendo semplicemente addio a sostanze stimolanti come drink e tazzine di caffè, e magari anche al fumo e alle abitudini alimentari sbagliate. La percentuale di gravidanze ottenute con la fecondazione artificiale è invece del 33%. Appena l’1% in più. Secondo l’esperta, le possibilità di concepimento diminuiscono del 30% nelle donne che bevono fino a cinque drink alla settimana e del 60% in quelle che superano i dieci. Quanto al caffè, non si dovrebbero superare le tre tazzine al giorno, se il desiderio è quello di avere un bambino. Insomma, meglio provare a combattere gli stili di vita sbagliati prima di rivolgersi a una clinica per la fertilità: costa meno e i risultati sono sovrapponibili.

Fonte: Adnkronos/IGN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *