Conta dei movimenti fetali


La diminuzione dei movimenti fetali avvertiti dalla donna precedono spesso, ma non inevitabilmente, la morte endouterina.
Varie metodologie sono state suggerite alle mamme per la loro valutazione, non esistono parametri indicativi di differenza per i vari metodi, ma due sono i più rappresentativi.

Tecnica di Cardiff
Con partenza alle 9 a.m. la donna si concentrerà sui movimenti fetali e dovrà ricordare quanto tempo passa per contare dieci movimenti fetali fino alle 9 p.m..
Se non ci sono stati 10 o più movimenti deve essere informata che dovranno essere eseguiti altri tests di sorveglianza.

Tecnica di Sadovsky
Per un’ora dopo il pasto la donna deve concentrarsi sui movimenti fetali.
Se in un’ora non ha percepito quattro movimenti fetali, esegue un’altra ora di osservazione e se anche per la seconda ora non si sono avvertiti quattro movimenti, è bene eseguire altri test di sorveglianza.

Fonte: Il manuale delle linee guida nazionali di riferimento prodotto dall’ASSR – Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali