Gonorrea


Gonorrea: cos’è?

E’ un’infezione provocata da un microrganismo (un diplococco gram-negativo, il gonococco o Neisseria gonorrhoeae): colpisce sia gli uomini che le donne e si trasmette attraverso i rapporti sessuali.
In una donna su due l’infezione non porta alcun sintomo, nelle altre i sintomi tipici sono leucorrea (perdite vaginali giallo-verdastre), dolori alla parte bassa dell’addome, bruciore quando si urina.
Se non trattata la gonorrea nelle donne può provocare in circa 15 casi su 100 malattia infiammatoria pelvica, che a sua volta può causa di sterilità e gravidanze extrauterine.
Nell’uomo l’infezione è asintomatica in solo 1 caso ogni 10 e i sintomi tipici sono bruciore quando si urina e perdite giallastre (mucopurulente).
La gonorrea può colpire anche gli occhi, provocando congiuntiviti, e la faringe, portando mal di gola. In quest’ultimo caso l’infezione può trasmettersi agli organi genitali attraverso rapporti orali.
Quando il medico fa una diagnosi di gonorrea valuta anche la possibilità di una contemporanea infezione da Clamidia, perché spesso è presente insieme alla gonorrea: in questo caso verrà scelta una terapia che possa risolvere entrambe le infezioni.

Come si cura?

La terapia prevede l’uso di antibiotici e deve essere effettuata anche dal partner: i rapporti sessuali vanno evitati fino alla guarigione.

In caso di gravidanza?

La gonorrea può trasmettersi dalla madre al bambino durante il parto e provocare congiuntiviti e ulcere alle cornee anche molto gravi che possono portare fino alla cecità. Per questo durante la gravidanza viene prescritta una terapia antibiotica.
Inoltre per limitare ulteriormente i rischi di infezioni agli occhi, in Italia a tutti i neonati entro un’ora dalla nascita si somministrano gocce di collirio antibiotico.

(fonte: www.saperidoc.it)