Sesto mese di gravidanza


ll tuo corpo a pieno ritmo

La pancia è ormai abbastanza grossa. Le ghiandole mammarie si preparano per un eventuale allattamento: se vengono strizzati, i capezzoli secernono le gocce giallastre di colostro, detto anche “primo latte”. Purtroppo, la stanchezza comincia a farsi sentire e inizi ad avere bisogno di riposo; è normale, perché il tuo corpo si è concentrato a supportare la vita che è in te. Per garantire al bebè il fabbisogno d’ossigeno e di sostanze nutrienti, il sangue circola a pieno ritmo e le tue pulsazioni sono un po’ accelerate. Inoltre, l’estensione dell’utero potrebbe causare delle contrazioni che non devono preoccuparti, finché restano irregolari e non sono più di dieci al giorno.

 

Come procede la tua gravidanza?

Per saperlo, il medico controllerà la tua pressione, il tuo peso e l’altezza dell’utero e ti prescriverà degli esami per verificare i livelli di zucchero e di albumina nelle urine.

  • Albumina nelle urine. La presenza di albumina nelle urine può indicare una disfunzione renale che, a sua volta può provocare la preeclampsia. Si tratta di una malattia che compare esclusivamente in gravidanza e si manifesta con gonfiori, ritenzione idrica, aumento della pressione. Come prevenzione è fondamentale il controllo periodico del peso, dei valori della pressione del sangue e dei livelli di albumina nelle urine.
  • Minicurva da carico di glucosio. o Test di screening per il diabete gestazionale, da fare tra la 24esima e la 28esima settimana. Consiste nell’assumere una soluzione ricca di glucosio e nel sottoporsi a due prelievi del sangue per la valutazione della glicemia che verifica l’eccesso di zuccheri nel sangue. Se ci fosse, verrebbe trasferito al feto, che rischierebbe crescere troppo e in maniera irregolare.

     

    Sintomi più comuni in questo periodo

    • Gengive gonfie e sanguinanti.
    • Crampi ai polpacci e formicolii.
    • Necessità di urinare con frequenza.
    • Dolori alla schiena.
    • Difficoltà ad addormentarsi.

     

    Consigli pratici

  • L’importante è parlare. Durante le visite dal medico, non esitare a parlare delle tue ansie e preoccupazioni, per esempio, di un’eccessiva stanchezza che può indicare una leggera anemia.
  • La mia schiena, che dolore! Cominciano a farsi sentire i primi dolori alla schiena dovuti alla crescita del feto e al peso dell’utero. La colonna vertebrale si adatta allo spostamento del baricentro del corpo arcuandosi in avanti e questo mutamento nell’assetto delle vertebre e dei muscoli provoca un pò di dolore. Per attenuarlo, evita movimenti bruschi, non piegare la schiena quando devi raccogliere un oggetto da terra, cerca di camminare in posizione eretta e siediti sulle sedie provviste di schienale largo e rigido.
  • Problemi di sonno. Hai difficoltà ad addormentarti o hai risvegli notturni. In più ci sono i movimenti del bebè nel grembo che ti tengono sveglia. Prova ad osservare i ritmi di dormiveglia del tuo bambino. Approfitta di quando dorme per riposare anche tu! Il bebè preferisce dormire quando tu sei in giro, perchè è cullato dai movimenti del tuo corpo.
  •  

    BEBE’ “IN COSTRUZIONE” – COSA SUCCEDE DENTRO DI TE

  • 21^ Settimana (durante la ventunesima settimana): Mentre il pancione cresce, il feto continua a nuotare nella sua “piscina” piena di liquido amniotico. Al termine del secondo trimestre, la maggior parte dei feti si stabilizza in una determinata posizione, di solito con la testa all’ingiù.
  • 22^ Settimana (durante la ventiduesima settimana): Ora è interessato al proprio corpo, si passa le manine sul viso e si tocca gambe e braccia.
  • 23^ Settimana (durante la ventitreesima settimana): Cartilagini e ossa cominciano a indurirsi; la pelle, che era sottile e trasparente, man mano sta diventando più spessa e opaca. Ora cresce e si sta rafforzando il suo cuore.
  • 24^ Settimana (durante la ventiquattresima settimana): È lungo circa 30 cm e pesa 500-700 grammi. Sebbene i suoi organi vitali siano abbastanza maturi, i polmoni non sono ancora sufficientemente sviluppati perché il bebè sia in grado di sopravvivere fuori dall’utero. Tutto il corpo è coperto da uno strato di vernice caseosa che serve per proteggere la sua pelle.